UN CASO CLINICO: SPONDILOLISTESI – ARTRODESI
 /  Area Scientifica / UN CASO CLINICO: SPONDILOLISTESI – ARTRODESI
UN CASO CLINICO: SPONDILOLISTESI – ARTRODESI

UN CASO CLINICO: SPONDILOLISTESI – ARTRODESI

Presentiamo di seguito un interessante caso clinico relativo alla spondilolistesi, con la testimonianza diretta di Maria Laura:

Sono una Signora di 53 anni, lavoro come infermiera professionale in un Ospedale di Genova. Nel 1994 mi è stata diagnosticata una spondilolistesi di L5 su S1 praticamente asintomatica.

2

Le cose sono lentamente peggiorate. Nel 2003 vengo visitata al Centro di Chirurgia vertebrale dell’Ospedale in cui lavoro che mi prescrive fascia lombosacrale.

Gli episodi di lombalgia acuta diventano sempre più frequenti: il dolore interessa la zona lombare bassa e l’arto inferiore sinistro con difficoltà nella deambulazione. Vengo allora indirizzata dal Medico di base e dagli specialisti a fare una terapia medica (cortisone, antidolorifici e antinfiammatori) che mi aiutano nella fase acuta.

Nel 2010, arrivata a dolori fortissimi, difficoltà nei movimenti più semplici e blocco nella deambulazione vengo operata di artrodesi lombare posteriore con placche e viti da L4 a S1.

3                           4

Subito dopo l’intervento il dolore alla schiena e alle gambe sembra molto migliorato. Ho però parestesia marcata a tutto l’arto inferiore sinistro, debolezza e difficoltà nell’appoggio del piede (zoppico per un anno!) Ho fatto visita neurologica, elettromiografia e nuove cure farmacologiche con scarso beneficio.

Dopo circa un anno ritorna il mal di schiena che interessa soprattutto la zona lombare operata, ma anche il resto della colonna (maggiormente la cervicale) con episodi di cefalea, vertigine e male al collo.

Ho provato tantissime terapie antalgiche (vedi terapia del dolore) e agopuntura senza alcun beneficio. Consulto uno specialista ortopedico che, in seguito a Risonanza Magnetica, mi propone un nuovo intervento chirurgico di stabilizzazione vertebrale. Decido allora di fare una visita da un neurochirurgo di Verona che finalmente mi indica il percorso giusto: ginnastica posturale e fisioterapia individuale. Un’amica mi consiglia il Centro di rieducazione vertebrale ‘Il Ginnasio’. Dopo circa 45 giorni di lavoro abbastanza intenso comincio ad avere benefici a tutta la colonna. Persiste ancora un dolore intenso sulla zona lombare dove ho subito l’intervento, dolore che diminuisce usando il posizionatore antalgico lombare.

Per far sì che il mio peso corporeo non aggravi la situazione della colonna ho cominciato una dieta ipocalorica in quanto in sovrappeso.”

VALUTAZIONE POSTURALE E CHINESIOLOGICA E PROGRAMMA RIEDUCATIVO

La Signora Maria Laura si presenta nel nostro Centro nella metà del settembre 2016.

Durante la prima seduta di valutazione, dopo aver ascoltato la sua storia clinica le chiediamo quali sono le posizioni di riposo e della vita quotidiana in cui sente più e meno dolore.

Ci riferisce che deve alternare la posizione supina a quella in piedi e che seduta sta peggio. Dorme sul fianco (su entrambi indifferentemente) con un cuscino tra le gambe. Si sveglia tante volte durante la notte. Sente dolore se si sdraia prona.

Dall’osservazione della stazione eretta e del cammino osserviamo che ‘sale’ sul piede destro ‘cade’ sul piede sinistro’ ; con il test di Kinesiologia Applicata verifichiamo che una soletta di 5 mm a sinistra aiuta la stabilità posturale e il comfort della schiena.

Sono presenti tensioni mandibolari significative.

La regione toracica ha bisogno di migliorare la mobilità.

Iniziamo con la sequenza delle ‘Ali della libertà’ (https://www.youtube.com/watch?v=tLOrFn3ayQI) per la mobilizzazione vertebrale in generale e toracica in particolare, della ‘Mandibola morbida’ (https://www.youtube.com/watch?v=1YYx-sQ-V0M) per eliminare le interferenze dell’ATM sulla regione cervico-dorsale, di tonificazione dei glutei e degli arti inferiori per migliorare il sostegno alla schiena.

Nelle sedute successive verifichiamo che l’utilizzo del Posizionatore Antalgico Lombare (PAL) le da’ un significativo sollievo nella parte bassa della schiena (la più dolorante), sollievo che perdura per buona parte della giornata.

Il programma rieducativo della Signora prevede 3 sedute settimanali di ginnastica posturale in gruppo, una seduta settimanale di Integrazione Funzionale individuale e esercizi quotidiani a casa.

Dopo due mesi di lavoro intensivo (come consigliato dal Neurochirurgo) la situazione generale è nettamente migliorata. Il miglioramento è più evidente nella regione cervico-dorsale: non prende più antidolorifici e antinfiammatori, non ha più capogiri, nausea, mal di testa e non deve più chiamare la guardia medica per i malesseri cervicali.

Perdura ancora il dolore nella zona lombare (in corrispondenza della ferita chirurgica), che attualmente si allevia solo nella posizione antalgica lombare.

La Signora ha inoltre intrapreso un percorso di calo ponderale seguita da un Nutrizionista.

Related Posts

Open Day gratuito
Blog
Open Day gratuito

OPEN DAY GRATUITO  di presentazione del: “MASTER POSTUROLOGIA METODO RIEDUCA®” GENOVA – SABATO 30 SETTEMBRE 2017 PROGRAMMA DELL’OPEN

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked.*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

novembre: 2018
L M M G V S D
« Set    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

RIEDUCA POSTURA E MOVIMENTO

Ginnastica Posturale


Piazza G. Verdi 4/6 16121 Genova


info@rieduca.it


010531114


3473227198


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER:

Iscriviti per ricevere materiale gratuito (lezioni, video etc)

Seguici su:

Copyright 2018 © Rieduca. Tutti i Diritti riservati - P.I. 02079190993 -
Web Master Serena Pagliosa